Vi informiamo che il nostro negozio online utilizza i cookies e non salva nessun dato personale automaticamente, ad eccezione delle informazioni contenute nei cookies. Ok

Scopri il Piemonte, un territorio ricco di cultura e specialità culinarie senza paragone nel mondo!

Scopri il Piemonte, un territorio ricco di cultura e specialità culinarie senza paragone nel mondo!

 

 

"Sulle dentate scintillanti vette

salta il camoscio, tuona la valanga....

Salve Piemonte!

Ivrea la bella..

Biella tra i monte e il verdeggiar de' piani...

Cuneo possente e paziente...

Asti repubblicana...

la brumal Novara...

Alessandria ove Santorre di Santarosa diè a l'aure primo il tricolor...

e nel festante core de le grandi Alpi la regal Torino"

                                                                        (Giosuè Carducci)

                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Pedemontium o pedemontis (ai piedi del monte) un territorio con tradizioni antiche e specialita alimentari uniche al mondo!

La regione più occidentale e seconda per estensione, circondata da monti (Alpi e Appennini) tra cui la punta Norden del massiccio del Monte Rosache raggiunge 4609 metri. Molti fiumi e torrenti tutti affluenti del Po che nasce al Pian del Re ai piedi del Monviso.

Molte anche le zone collinari assieme ad un 25% circa del territorio costituita da pianura.

Le provincie piemontesi sono 8:

  • Torino
  • Alessandria
  • Asti
  • Biella
  • Cuneo
  • Novara
  • Verbano Cusio Ossola
  • Vercelli

I fiumi principali sono, ovviamente, il Po poi Tanaro, Dora Baltea e Dora Riparia, Sesia ecc.

Il Lago Maggiore è il secondo lago italiano, e di una certa rilevanza il Lago D'Orta oltre ai vari laghi alpini di origine glaciale o morenica.

Le zone collinari principali sono:

  • Il Canavese nel nord ovest
  • Le Langhe e il Roero nel sud
  • Il Monferrato nel centro
  • I Colli tortonesi nel sud est 

Il Piemonte ha un clima temperato a carattere continentale. La varietà del territorio permette di avere colture quali riso, granoturco, frumento, ortaggi, frutta. La produzione di vino non è particolarmente elevata però offre le migliori eccellenze italiane.

L'allevamento di bestiame, vista l'abbondanza di pascoli, permette di produrre carne, burro e formaggi in quantità.

 

Canavese

Territorio compreso tra Torino e la Valle d'Aosta e, verso est, il biellese e il vercellese.

Oltre all'allevamento soprattutto bovino con produzione di formaggio e burro si coltivano frutta e ortaggi di vario genere. Altre colture di una certa rilevanza sono quelle del mais e della canapa.

 Prodotti tipici del Canavese:

  • Canestrelli: dolci tipici che si preparano sin dal medioevo
  • Cavolo verza di Montalto: varietà "sabauda" d'eccellente qualità
  • Civrin della Val Chiusella: formaggio a latte crudo con una stagionatura di circa due settimane
  • Fagiolo piattella canavesana di Cortereggio: fagiolo bianco rampicante dal particolare sapore
  • Mais piemontesi antichi: varietà pignoletti, ottofile, ostenga e nostrano dell'isola. Tutti mais tardivi che permettono di ottenere farine da polenta di qualità superiore
  • Miele delle vallate alpine: produzione di antica tradizione dalle varietà tipiche di montagna
  • Patata di montagna torinese: vengono ancora coltivate antiche selezioni che hanno pregiate qualità organolettiche non riscontrabili nelle coltivazioni di pianura
  • Salampatata canavese: si ottiene unendo carne suina, lardo, patate lesse e spezie
  • Torcetto: "grissini dolci" ripiegati a goccia. Impasto ripassato nel miele e/o zucchero e cotto al forno

 

I vini del Canavese:

  • Rosso: uve barbera, nebbiolo, croatina o bonarda, freisa e neretto (ideale per carni rosse e selvaggina)
  • Rosato: idem come sopra ma con spremitura soffice, ideale per primi e formaggi
  • Canavese bianco: spremitura uve erbaluce 100% ideale per pesce e primi piatti
  • Carema D.O.C: vino eccezionale poco conosciuto, rosso dal profumo intenso e morbido.
  • Passito di Caluso: uva erbaluce appassita per almeno cinque mesi ed invecchiato quattro anni se non più. Ottimo come vino da dessert e con formaggi stagionati
  • Spumante di Caluso: ottimo da aperitivo, si ottiene da uva di erbaluce. Perlage fine ma persistente.
  • Erbaluce di Caluso: primo bianco piemontese che ha ottenuto D.O.G. paglierino e fruttato l'ideale per primi piatti e pesce.                       

Langhe e Roero

Le Langhe sono comprese tra il corso di due fiumi, il Tanaro e il Bormida. Possiamo suddividere il territorio in alta e bassa langa.

Il Roero sorge sul versante sinistro del Tanaro. La denominazione è dovuta al nome dell'antica famiglia che governò per secoli il feudo. Qualche nome tanto per dare un'idea: Alba, Barolo, Neive, Novello, Cherasco, Bra, Grinzane Cavour.

Territori adatti all'allevamento di bestiame e alla produzione di mais, frumento e ortofrutta. Le zone collinari sono particolarmente utili per la produzione di piante pregiate (nocciole di alta qualità)

 

Prodotti tipici di Langhe e Roero

  • Tartufo bianco d'Alba: gustoso, raffinato, ricercato, praticamente unico.
  • Carni bianche e rosse di alta qualità per bolliti e arrosti prelibati
  • Salsiccia di Bra: ottima da consumare cruda, viene preparata miscelando carni magre di bovino e grasso di maiale; può essere all'aglio, finocchio, parmigiano, robiola, vino bianco e altro ancora.
  • Salame crudo e cotto di langa: prodotti con la tecnica norcina piemontese. Vi sono varie tipicità quali salami al barolo, con tartufo, al cinghiale.
  • Salame "la rossa d'Alba": di sola coscia magra con l'aggiunta di pancetta e lasciato stagionare lentamente.
  • Pancetta brasata: prima di arrotolarla si immerge nel barolo quindi si avvolge la cotenna e si invia all'affumicatura.
  • Lardo: tipiche le varianti alle erbe ed al nebbiolo
  • Cotechino: immancabile nei bolliti alla piemontese, particolare quello al marsala.

I formaggi tipici di Langhe e Roero

  • Bra: formaggio crudo pressato. Il tenero viene stagionato almeno un mese e mezzo, mentre il duro per sei mesi.
  • Bross o Bruss: più che un formaggio è un derivato. Nasce dalla fermentazione controllata e rimestata degli avanzi di uno o più formaggi locali.
  • Braciuk: variante di formaggi bra stagionati nelle vinacce.
  • Bruss con i vermi: variante stagionata, secondo l'antica tradizione piemontese del formaggio che cammina o formaggio con i vermi. Di fatto lasciando all'aria senza copertura si possono dopo un po' osservare piccoli vermi detti "salterelli" che spuntano dal cacio
  • Murazzano: formaggio DOP di latte principalmente ovino. Grasso, a pasta cruda, molle e di breve stagionatura.
  • Paglierina: formaggio di latte vaccino a pasta molle e cruda. Forma quasi piatta con diametro di 10-15 cm. crosta rugosa giallina e quadrettata che richiama i graticci di paglia.
  • Robiola d’Alba: formaggio di pasta molle, morbida e leggermente granulosa si può consumare dopo appena tre giorni.
  • Robiola di Roccaverano: formaggio caprino delle Langhe astigiane a pasta molle.
  • Raschera DOP: formaggio a latte misto di vacca con aggiunta di latte di pecora o capra. Viene formato a cilindro o a base quadrata. La maturazione mediamente è di 30 giorni. Se stagionato diventa leggermente piccante.
  • Sola (Sora o Soera): formaggio grasso. Maturazione 15 giorni, la stagionatura fino a sei mesi. Il latte può essere misto di capra, pecora e/o vacca. La percentuale varia secondo la scelta del produttore. Il nome ricorda la forma (sola in piemontese) della suola della scarpa.

Pasta fresca e Salse tipici di Langhe e Roero:

  • Tajarin: tagliolini all’uovo molto sottili, ottimi serviti con burro e salvia ed una spolveratina di tartufo bianco d’Alba.
  • Ravioli al Plin: dal piemontese “plin” (pizzicotto) che serve per separare i ravioli ripieni tra loro. Sono fatti con uova, farina di frumento con ripieno di carni arrosto (vitello, maiale o coniglio) ed erbette (spinaci o bietoline). Tipica la forma piccolina rettangolare.
  • Bagna Cauda (o caoda): ovvero salsa calda è la regina delle salse piemontesi, può variare leggermente la composizione secondo i territori del Piemonte. L’ingrediente base sono le acciughe salate stemperate (50 gr a persona) in olio d’oliva (mezzo bicchiere a persona) con una testa d’aglio ciascuno. (è una salsa cotta)
  • Bagna d’Infer: Gli ingredienti sono aglio e acciughe sotto sale in quantità abbondanti, pomodorini freschi (eventualmente salsa), uno o più spagnolini ( peperoncini rossi piccanti), un ciuffo di prezzemolo, olio d’oliva. (è una salsa cotta).
  • Bagnet Ross: pomodorini, cipolle, una carota, aglio, peperoncini (non piccanti), zucchero, aceto di vino rosso, olio d’oliva e sale. Gli ingredienti vanno tritati e cotti a lungo. (salsa cotta). Da mangiare con le carni bollite.
  • Bagnet Verd: ottimo con i bolliti. La base sono il prezzemolo tritato con aglio e acciughe dissalate (tutto tritato finemente). Quindi mollica sbriciolata, aceto rosso, olio d’oliva, sale e pepe. Facoltativa l’aggiunta di capperi e/o tuorlo d’uovo.

Prodotti ortofrutticoli di Langhe e Roero:

  • Albicocca tonda di Costigliole: (diffusa nelle zone di Montaldo e Canale) varietà autoctona, si trova anche e soprattutto nel saluzzese.
  • Castagna della Madonna: tipica del Roero apprezzata per la precocità di maturazione. Difatti è la prima castagna ad essere disponibile sui mercati (metà Settembre) deve il suo nome al periodo di maturazione.
  • Fragola: prodotto simbolo in particolare di Baldissero d’Alba e Sommariva Perno.
  • Mela Carla: questo tipo di mela si coglie a Settembre e matura tardamente sino a primavera. Ha la peculiarità di essere gradevole sin dal primo momento di raccolta.
  • Nocciola Tonda Gentile delle Langhe o Nocciola Piemonte: è una varietà I.G.P alcune caratteristiche la rendono particolarmente pregiata, in particolare il buon aroma, il sapore delicato, un basso contenuto di grassi (le permettono di essere conservata senza irrancidirsi), una pellicola (perisperma) che avvolge il seme sottile e che ne facilita, dopo la tostatura, l’asporto.
  • Pera Madernassa: Coltivata nell’albese derivata dal seme del martin sec. Ha una polpa biancastra e leggermente tannica.
  • Pesca: diffusa la coltivazione nei comuni di Canale, Cornegliano, Bra e nelle Langhe in genere. Prevalenti le coltivazioni con buccia pelosa e a polpa gialla.
  • Pomodoro Cuore di Bue: è un pomodoro da insalata, irregolare, costuluto, grosso, buccia sottile, polpa carnosa, pochi semi, aromatico e molto saporito. Una delizia.
  • Uve di pregio (si veda la sezione "vini del piemonte") 

 

Verbano - Cusio - Ossola

Il Verbano Cusio Ossola è situato nella parte settentrionale della regione. Confina a nord-est e a nord-ovest con la svizzera, a sud con il novarese e a sud-ovest con la provincia di Vercelli. Il clima varia molto poichè si va dai 300 mt alle sponde lacustri. Il territorio è, appunto, variegato.

Prodotti tipici della zona di Verbania:

Formaggi originari di Verbania:

  • Ossolano e Ossolano d'alpeggio: vaccino a pasta semidura. Semigrasso o grasso di breve o media stagionatura
  • Bettelmat: ossolano prodotto oltre 1700 mt di altitudine
  • Prunent: formaggio affinato nelle vinacce del vino omonimo
  • Mascarpa: ricotta sia saltata che affumicata
  • Caprini: sia freschi che stagionati

Salumi tipici di Verbania:

  • Morta della Ossolana: è fatta con carni crude di suino alle quali si aggiunge una piccola percentuale di fegato (massimo 5%). in alcuni casi vino insaporito con spezie. La stagionatura è di 2 mesi.
  • Bresaola ossolana (o brisaula): carne bovina salata e conciata con spezie. Stagionatura 4 mesi
  • Carne secca: carne fresca privata di grasso e tendini, salata e speziata. L'essiccazione può durare anche 6 mesi.
  • Prosciutto crudo o della Val Vigezzo: è leggermente affumicato.
  • Violino di capra: coscia salata e stagionata. Simile al prosciutto crudo.

Prodotti da forno di Verbania:

  • Crasazin: pane di segale con fichi o uva passa
  • Fugascina di Mergozzo (o dolce di S. Elisabetta 4 Luglio): burro, zucchero, farina, uova, marsala, limone e lievito.
  • Kussli: simili a bugie (chiacchiere) con l'aggiunta di grappa
  • Margheritine di Stresa: biscotti fatti con tuorlo d'uovo setacciato (sodo), burro, farina, fecola, vaniglia e buccia di limone grattugiata.
  • Pane nero di Coimo (pan negar): anticamente veniva preparato solo 2 volte l'anno. E' fatto con 80/90% di farina di segale integrale, farina di grano tenero, acqua, sale e lievito naturale
  • Stichett o Amiasc: biscotto cotto su pietra, o dall'erbraico azzimo, quindi non lievitato

Altre eccellenze ossolane:

  • Genepy delle valli: liquore tipico
  • Erbe officinali: arnica, genepy, genziana, melissa, menta, timo ecc.
  • Miele:miele di acacia, di castagno, millefiori, rododendro, tiglio e altri ancora.
  • Pesce in carpione:(tipico della regione piemonte). Qui si aggiunge alla marinatura uva/passa e pinoli.
  • Vino si veda la voce relativa ai "vini del Piemonte"

Le eccellenze gastro enologiche del Novarese

Confina a nord con la provincia del Verbano-Cusio-Ossola a ovest con la provincia di Vercelli a est con milanese e Varesotto e a sud con la provincia di Pavia. Il territorio va dalla pianura alle colline alle montagne (cima del Mottarone 1491m.). La provincia ha una fitta rete di canali artificiali sfruttati per l'irrigazione delle colture di riso. L'agricoltura è concentrata nella pianura e in parte in quella collinare. La coltura principale è quella del riso, quindi mais frumento in quota minoritaria soia, orzo, avena e segale. Altre colture sono la floricoltura (Lago Maggiore) l'orticoltura e la frutticoltura. Eccellente anche il miele, soprattutto di acacia. L'allevamento di bovini e suini è praticato in pianura. Il latte bovino è specialmente utilizzato per a produzione di formaggi DOP. Importante è la produzione vitivinicola. 

Prodotti e formaggi d’eccellenza del Novarese:

  • Gorgonzola DOP: formaggio vaccino grasso erborinato di breve stagionatura dolce o piccante (50 giorni o 80 giorni di stagionatura).
  • Toma del Mattarone: latte vaccino intero. Tipico formaggio d'alpeggio. Stagionatura 2/3 mesi.
  • Bisecon: salame cotto a base di trippa. Può essere anche fatto con la testina. Si cuoce la carne, quale essa sia, in brodo di verdura si unisce ad un soffritto di cipolle, si aromatizza e si insacca. In ultimo si cuoce circa mezz'ora in acqua bollente
  • Salami d'la duja (salame della duja): è un insaccato di puro suino stagionato e conservato in contenitori ricoperto di grasso di maiale che lo mantiene morbido, salato, speziato, agliato e condito con vino rosso.
  • Miele: la nascita del'apicoltura novarese risale ai primi del '900. Rilevante la produione di miele d'acacia.
  • Riso: il clima e la natura hanno favorito la selezione di varietà di storiche quali l'arborio, baldo, balilla, sant'andrea, vialone nano alle quali si sono aggiunte ribe roma, ariete, carnaroli e il venere
  • Vino si veda la voce relativa ai "vini del Piemonte".

Tesori gastronomici del  Vercellese

La provincia di Vercelli confina a nord con il Verbano-Cusio-Ossola e con la Svizzera a est con il novarese e con la Lombardia a sud con l'Alessandrino a ovest con il torinese, biellese e la Valle d'Aosta. Il territorio alpino è costituito dalla Val Sesia. La parte restante vede alcune zone collinari e la piana famosa per le risaie.

Prodotti ed eccellenze del vercellese:

Formaggi

  • Caprino di Rimella: latte di capra addizoinato con latte di mucca. Ha pasta morbida, biancastra, spalmabile, piccante dopo 2 mesi di stagionatura.
  • Vaciarin: vaccino a pasta molle. Da consumarsi entro 4 giorni dal confezionamento.
  • Macagn: latte vaccino intero, sale e caglio di vitello. Vietato l'uso di additivi anche se naturali.
  • Toma della Val Sesia: vaccino, consistente a pasta compatta, breve stagionatura dal gusto fresco e delicato vi  è anche la versione erborinata.

Salumi

  • Mortadella di fegato (cruda o cotta): la lavorazioneè tipica. Simile a quella del novarese, infondo la provincia di Vercelli è legata per storia e costumi alla provincia di Novara.
  • Salam d'la Punta: come quello novarese (vedi)

Ortofrutta

  • Riso della Raggia a (vercellese) primo e unico riso DOP Italiano. Le varietà tutelate sono: carnaroli, arbosio, baldo, s. andrea. Vi sono poi altri risi coltivati: loto, balilla, gladio ( la barbaggia è una zona del vercellese e del biellese pedomontana).
  • Fagioli di Villata e Saluggia: varietà nana, il seme è leggermente reniforme. In fase di essicazione la colorazione è rosso sfumato di rosa e leggermente screziato.
  • Pesche di Borgo d'Ale: è un'antica varietà di pesca bianca. Tondeggiante e di pezzatura mediogrande ha una colorazione rosso rosata su fondo bianco. Il sapore è fresco, gradevole, particolarmente aromatico.
  • Bicciolani (biciulan): biscotti di origine rinascimentale. Frolla arricchita da spezie soprattutto cannella.
  • Uve: l'area collinare vercellese non è molto estesa ma produce vini d'alta qualità (vedi a sezione vini piemontesi)

 

Biellese

La più piccola delle province piemontesi è situata nel nord della regione, confina a ovest con la Valle d'Aosta, mentre sugli altri versanti è racchiusa tra il torinese e vercellese. E' circondata dalla Alpi biellesi che procurano notevoli risorse idriche che garantiscono le colture di riso e mais della pianura. Il clima è continentale, ma diversificato vista la presenza di monti, colline e pianura.

 

PRODOTTI TIPICI ED ECCELLENZE BIELLESI

  • Toma: pasta dura, latte vaccino da antica tradizione alpina (DOP Piemontese)
  • Beddu: alto solo due dita prodotto con latte scremato. Si consuma fresco dopo la stagionatura su paglia. Tipico della zona di Pralungo.
  • Tomino di Sordevolo: formaggio freschissimo a latte vaccino intero a pasta morbida. Sapore dolce. Stagionatura assente.
  • Tumin: sancarlin con aglio e peperoncino (latte vaccino intero)
  • Salam d'la duja: tipico anche nel vercellese e novarese. Salami conservati sotto grasso.
  • Paletta: prosciutto (zona di coggiola) fatto con la spalla di maiale messa in salamoia per alcune settimane. Successivamente il prosciutto viene insaccato e  speziato. Venduta cruda viene abitualmente consumata dopo averla lessata. Il nome è dovuto al fatto che è tratto dalla scapola del suino.
  • Riso di barbaggia biellese ( si veda la stessa voce relativa alla voce "eccellenze vercellesi") unica DOP europea. 
  • Torta di pane: delle vallate biellesi. E' un prodotto da forno a base di pane raffermo e latte. Vari altri ingredienti si possono aggiungere. Il primo modo di prepararla contempla l'aggiunta di uova, zucchero vanigliato, zucchero, cacao, burro fuso e uva sultanina. Il secondo usa uova, sale, burro e noci. Il terzo aggiunge amaretti, cacao, zucchero, uova, per, limone, mandole del pers e burro. 
  • Turcit: pasta di pane, burro e zucchero. Specialità originaria di Pettinengo
  • Turcetun: torcetti di grandi dimensioni prodotti secondo ricette tradiionali in particolare ad Andorno, Polonne e Biella.
  • L'Arsumà: morbida spume di uova e zucchero diluita con latte o vino.
  • Canestrelli: fragranti cialde di wafer con cioccolato e nocciole
  • Palpiton: nella zona di Mongrando per la festa della Madonna si produce una sorta di torta di pere o mele, uv sultanina, burro, cacao e pane bagnato nel latte.
  • Rostij: fette di pane raffermo inzuppato nel latte (in cui si era sbattuto un uovo intero) ed abbrustolite in burro fuso.
  • Miele: sono molti e tipici mieli prodotti: di robinia, di castagno, di tiglio, di rododendro, di fiori di monte (tipico servirlo con la polenta)
  • Lauretana: Biella vanta l'acqua oligominerale più leggera d'Italia
  • Ratafià di Andorno: è ricavato dalla macerazione alcolica di ciliegie selvatiche secondo una ricetta vecchia 500 anni

 

Monferrato

Regione storico-geografica compresa all'interno delle province di Asti e Alessandria. Si estende dalla destra del PO fino agli Appennini liguri e con la provincia di Cuneo. A nord est con la lomellina (Lombardia) e in fine a ovest con il torinese. Si può suddividere in:

-Basso Monferrato: praticamente è la parte dell'alessandrino (Sacro Monte di Crea-Casale-Valenza i centri principali) caratterizzato da morbide colline atte alla coltivazione vitivinicola e pianure in cui si coltiva il riso.

-Monferrato astigiano: praticamente collinare. Vari centri di rilievo quali: Moncalvo, Grazzano Badoglio, Montemagno, Montiglio, Nizza Monferrato, Mombarruzzo, Incisa Scapaccino e ovviamente Asti.

-Alto Monferrato: si estende verso sud. Dalla Borbida sino all'Appennino ligure. E' delimitato a ovest dalla Bormida di Spigno e a est dalla Valle Scrivia. La città principale è Acquiterme. Il clima del Monferrato è caldo temperato e discretamente piovoso.

 

Prodotti ed eccellenze del Monferrato:

  • Muletta: salame crudo composto da almeno l'80% di carne suina pregiata e un altro 20% circa di grasso di pancetta, alla carne si aggiungono sale, pepe in polvere bianco e nero, noce moscata ed un infuso di aglio e vino in genere barbera. L'impasto viene poi insaccato in budello cieco di maiale.
  • Crespone: salame composto di carne di suino di prima scelta aromatizzata con sale, latte scremato in polvere, zuccheri, spezie, aglio fresco e barbera.
  • Griva: polpetta di frattaglie di maiale, di taglio di carne, carne di pancetta e salsiccia. Impastata con parmigiano reggiano, uova, noce moscata, bacche di ginepro, sale e pepe. Si consuma fritta nel lardo o burro.
  • Filetto baciato: tipico di Ponzone Monferrato nella Val Bormida. E' ricavato dal filetto di maiale conciato con sale e aromi per una settimana (mischiato a grasso es altre carni). Profuma di vino, aglio e pepe nero.
  • Frissa: polpetta a base di carne suina avvolta nella retina di maiale. Simile alla griva con alcune varianti.
  • Bresaola di cavallo: la carne (coscia) privata di nervi e grasso viene messa in salamoia unita a vari aromi e vino per 2 settimane. In seguito si trasferisce per 1 settimana in locali a 18/20 gradi, poi asciugata salata, legata e messa in una fitta rete di cotone. La stagionatura dura 2 o 3 mesi.
  • Robiola di cocconato: formaggio fresco a  latte vaccino intero e pastorizzato, a pasta molle, di rapido consumo a forma piatta e tonda.
  • Robiola di capra di Ponzone: al caprino si può aggiungere latte ovino o vaccino. Vi è una versione fresca con una nota acidula e una stagionata con pasta morbida.
  • Toma di capra del monferrato: formaggio di latte pastorizzato. Pasta semidura, colore giallo avorio con piccola e rada occhiatura
  • Velluto nero della Regina: 100% latte di capra roccaverano, caglio, polvere fine di carbone di bosco di pino marittimo e sale.
  • Agnolotti ai 3 arrosti: anche detti gobbi per la pancia costituita dal ripieno. Carni arrosto di vitello, coniglio e maiale. Quindi impastare la carne con uova, salsiccia, parmigiano grattugiato in quantità, un pugno di cavolo e/o spinaci lesso saltato al burro e "passato" anch'esso unendo pepe nero e noce moscata. Tutto ciò per il ripieno, quindi tirare la sfoglia bagnandola con sole uova e poca acqua. Fare gli angolotti al nodo solito.
  • Tajarin all'uovo: farina setacciata, uova intere e tuorli, sale e un goccio d'olio. Si tagliano fini come capelli e si cuociono per pochi minuti in abbondante acqua bollente salata.
  • Carne d Fassone di razza bovina piemontese: arrosti-brasati, fritti misti e bolliti.
  • Gallina bionda di Villanova d'Asti: caratterizzata da carne magra e delicata.
  • Cappone di S.Damiano d'Asti: particolarmente pregiato usato per arrosti e brodi particolarmente saporiti.
  • Nocciola tonda gentile: nocciola I.G.P delle Langhe ma diffusa nel Monferrato
  • Amaretti: di Acqui, Gavi, Ovada. Mandorle dolci e/o amare, albume d'uovo, zucchero e a volte armelline (noccioli di albicocca) che forniscono un tocco d'amaro ulteriore.
  • Krumiri: biscotti tipici di Casale Monferrato, nati nel 1878. Ispirati alla forma dei baffi di Vittorio Emanuele II e si dice che furono a lui dedicati in occasione della sua morte. Creati dal casalese Domenico Rossi. Sono protetti da brevetto. Farina di grano tenero, burro zucchero, uovo, tuorli e vaniglia fresca. 
  • Torta piemontese: nocciole senza farina con uova e zucchero
  • Miele: ottimo e selezionato quello di acacia e di castagno
  • Tartufo bianco: tuber magnatum. Come si evince dal nome latino è un fungo ipogeo a forma di tubero. Profumato e pregiatissimo.
  • Uve: varie e molto pregiate che vengono vinificate in prodotti di alta qualità (si veda "vini piemontesi") ( si veda vini piemontesi)

La zona dell’Astigiano e i suoi prodotti tipici

Confina a nord-ovest con il torinese a est con la provincia di Alessandria a sud con la Liguria e a ovest con il cuneese. La maggior parte del territorio è composto da rilievi collinari quali il Monferrato, le colline del Po e le Langhe. La pianura è rappresentata dalle valli, dai fiumi e torrenti tra le colline. Il clima tipicamente padano con estati calde e afose e inverni freddi e nebbiosi. Le precipitazioni sono sotto la media nazionale.

 

PRODOTTI ED ECCELLENZE DELLA ZONA DI ASTI

  • Prosciutto crudo di cocconato: prosciutto di nicchia senza additivi. La stagionatura dura non meno di 12 mesi. La lavorazione è eseguita interamente a mano.
  • Salame cotto: tradizione molto antica che affonda le radici nella tradizione contadina. Grana grossa, sapore delicato e colore rosato.
  • Salame crudo alla freisa: salame crudo di alta qualità lavorato con vinacce di uva freisa
  • Robiola di Roccaverano: formaggio caprino a pasta molle D.O.P. pasta bianca, privo di crosta.
  • Brus: burro tipico che si presenta come una pasta omogenea, cremosa, facilmente spalmabile, di colore bianco, paglierino, grigio chiaro o leggermente verdognolo. Odore intenso aromatico e piccante. si ottiene dalla fermentazione di formaggi o ricotta
  • Finanziera: piatto tipico anche delle Langhe. Di origine medievale, difatti la prima ricetta conosciuta risale al 1450. Piatto inizialmente povero nato dal riutilizzo delle frattaglie. La ricetta più recente prevede che dopo aver lessato le frattaglie in acqua acidulata si taglino a dadini. Si formano quindi delle palline di carne cruda, parmigiano e uova che si passeranno nella farina. Le stesse si tufferanno in acqua bollente ed appena tornano a galla si dovranno scolare. Si scioglierà una noce di burro in un po' d'olio e si farà insaporire una cipolla con un pizzico di rosmarino. Si porranno le pallottoline portandole a cottura, quindi si uniranno i funghi porcini spruzzando un poco di marsala e qualche cucchiaio di aceto. Dopo 10 minuti circa unendo le frattaglie cotte precedentemente si servirà tutto ben caldo.
  • Zabaione astigiano: si prepara unendo tuorli d'uovo, zucchero e dell'ottimo asti D.O.C.G.
  • Miele: attività diffusa in tutto il territorio. Le diverse fioriture permettono la produzione di mieli multi floreali che assumono caratteristiche diverse per varie zone di raccolta.
  • Mostarda d'Asti: di uva astigiana costituita da mosto d'uva cotto a cui viene aggiunta la frutta di stagione.
  • Cardo gobbo di Nizza e Incisa: è bianco perchè estirpato e reinterrato lasciando fuori solo la parte delle foglie. Pertanto non si può così verificare la fotosintesi clorofilliana rimanendo bianco. e dolce. Gobbo pere la lavorazione tipica. Prima dell'interramento si fa una legatura a tre quarti della sua altezza facendogli assumere un aspetto a uovo di pasqua.
  • Peperone quadrato di Asti rosso: è pregiato per le elevate caratteristiche delle bacche.
  • Peperone di Capriglio: di ridotte dimensioni e quadrato, carne corposa e gustosa. E' ideale per tutti gli usi, maottimo nella lavorazione "mùja" sotto raspa.
  • Uve: di alta qualità (vedi la sezione"vini piemontesi")

Alessandrino

All'estremo sud-orientale del Piemonte. Confina a nord con la  provincia di Vercelli a ovest con il torinese e astigiano. A est con la Lombardia, a sud con la Liguria e a sud-est con l'Emilia-Romagna. Il territorio si può suddividere in 4 parti: l'alessandrino- il monferrato- il novarese- il torinese. Il territorio 3 quarti montagnoso o collinare. Al centro vi  è una fertile pianura attraversata dal fiume Tanaro. Il clima è tipicamente padano con inverni freddi e nebbiosi ed estati calde e piovose. 

PRODOTTI ED ECCELLENZE:

  • Salame di Brignano: anche detto "nobile" grazie alle straordinarie qualità, puro suino, dopo lunga e accurata lavorazione artigianale le carni vengono macinate e insaporite con vino rosso locale, sale, pepe e una delicata nota d'aglio. Insaccato in budello naturale e legato manualmente.
  • Testa in cassetta di gavi: prevede l'utilizzo oltre alla testa del maiale, la lingua, il muscolo e il cuore bovino. I tagli dopo una lunga cottura in acqua salata vengono disossati e ridotti  in piccole parti con battitura al coltello. Ridotto il tutto sino a diventare una polpa semiliquida viene poi addizionato con una concia salata a base di svariate spezie dal papa al rum finale. Quindi si insacca in budello cieco di manzo. Viene fatto riposare gravato da un peso per fargli assumere la tipica forma schiacciata.
  • Lardo baciato: il lardo di maiale salato viene deposto sulla carne di maiale tritata a pasta grossa e arrotolata accuratamente per mantenerlo al centro del salame. Stagionatura 30-60 giorni
  • Mocetta di capra: della zona di Muri Sengo. Salame pregiato ricavato da una massa muscolare intera fatta stagionare con aromi naturali.
  • Montebore della Val Borbera: formaggio raro di nicchia a latte  misto vaccino (65%), ovino (30%), capra (5%). Anticamente solo di latte ovino. Veniva già prodotto nel X secolo. Particolare è la forma a tre strati cheh ricorda una torta.
  • Blu della Valcerrina: latte caprino a cagliata presamica. E' caratterizzato da una crosta leggermente rugosa e da una pasta di colore bianco avorio con venature blu-verdastre. Erborinato di piccole dimensioni le forme e piccante in stagionatura.
  • Rabaton: piccole polpette di ricotta con erbette di campo e spinaci, infarinate di bianco, vengono servite in brodo o portate al forno. 
  • Focaccia novese I.G.P.: grano tenero, acqua, olio evo, strutto, lievito, sale ed estratto di malto. Cottura in forno (230 gr) per 20 minuti. Lo spessore della lamella di focaccia deve essere abbastanza sottile. La particolarità che rende la "focaccia novese" diversa da altri tipi di focaccia è la stiratura e successivamente bucatura, attraverso la quale si ottengono dei piccoli alveoli che trattengono meglio l'olio che pennellato sulla lamella a termine cottura.
  • Lacabon: dolce tipico di Alessandria che si fa in genere per la festa di Santa Lucia il 13 dicembre. Sono bastoncini fatti con miele e zucchero tirati a freddo.
  • Barbabietole rossa di Castellazzo Bormida: coltivata anche nei comuni limitrofi. Ottime qualità organolettiche. Rosso scuro e compatta nonché gustosissima.

17 Comments

  • SDB 2020-04-15 10:45:36

    粉嫩公主酒酿蛋是一款100%纯植物提取的丰胸美胸产品,丰胸产品在入市以前就已经经过了国家相关权威部门的严格检测粉嫩公主官网,是国家食品药品监督管理总局批准的美胸品牌丰胸方法,还是世界卫生组织中国区研究专家委员会权威推荐的一款女性丰胸专用产品丰胸产品粉嫩公主酒酿蛋

  • Personal Injury Attorney 2020-08-07 09:05:15

    I found Hubwit as a transparent s ite, a social hub which is a conglomerate of Buyers and Sellers who are ready to offer online digital consultancy at decent cost. Personal Injury Attorney

  • demolition 2020-08-07 09:13:48

    Hello! I just wish to give an enormous thumbs up for the nice info you've got right here on this post. I will probably be coming back to your weblog for more soon! demolition

  • Personal Injury Attorney 2020-08-07 09:22:29

    Wonderful illustrated information. I thank you about that. No doubt it will be very useful for my future projects. Would like to see some other posts on the same subject! Personal Injury Attorney

  • Clear Bra 2020-08-07 09:30:16

    This post is very simple to read and appreciate without leaving any details out. Great work! Clear Bra

  • car detailers colorado springs 2020-08-07 09:39:24

    This is an excellent post I seen thanks to share it. It is really what I wanted to see hope in future you will continue for sharing such a excellent post. car detailers colorado springs

  • tree services 2020-08-07 09:48:14

    This is my first time i visit here. I found so many entertaining stuff in your blog, especially its discussion. From the tons of comments on your articles, I guess I am not the only one having all the leisure here! Keep up the good work. I have been meaning to write something like this on my website and you have given me an idea. tree services

  • landscaping colorado springs 2020-08-07 09:59:44

    Very interesting blog. Alot of blogs I see these days don't really provide anything that I'm interested in, but I'm most definately interested in this one. Just thought that I would post and let you know. landscaping colorado springs

  • asphalt wet seal 2020-08-07 10:09:41

    A good blog always comes-up with new and exciting information and while reading I have feel that this blog is really have all those quality that qualify a blog to be a one. asphalt wet seal

  • Photography 2020-08-07 10:29:26

    I'm happy to see the considerable subtle element here!. Photography

  • auto detailers 2020-08-07 10:37:08

    You have done a great job. I will definitely dig it and personally recommend to my friends. I am confident they will be benefited from this site. auto detailers

  • Concrete Driveways 2020-08-07 10:48:03

    Took me time to understand all of the comments, but I seriously enjoyed the write-up. It proved being really helpful to me and Im positive to all of the commenters right here! Its constantly nice when you can not only be informed, but also entertained! I am certain you had enjoyable writing this write-up. Concrete Driveways

  • Water damage restitution 2020-08-07 10:56:24

    A good blog always comes-up with new and exciting information and while reading I have feel that this blog is really have all those quality that qualify a blog to be a one. Water damage restitution

  • clear bra 2020-08-07 11:03:22

    Very interesting blog. Alot of blogs I see these days don't really provide anything that I'm interested in, but I'm most definately interested in this one. Just thought that I would post and let you know. clear bra

  • dental clinic colorado springs 2020-08-07 11:24:16

    This is my first time i visit here. I found so many entertaining stuff in your blog, especially its discussion. From the tons of comments on your articles, I guess I am not the only one having all the leisure here! Keep up the good work. I have been meaning to write something like this on my website and you have given me an idea. dental clinic colorado springs

  • landscaping colorado springs 2020-08-07 11:41:47

    Took me time to understand all of the comments, but I seriously enjoyed the write-up. It proved being really helpful to me and Im positive to all of the commenters right here! Its constantly nice when you can not only be informed, but also entertained! I am certain you had enjoyable writing this write-up. landscaping colorado springs

  • jack payne 2020-08-10 12:52:45

    I Found Your Blog Very Much Informative. Thanks For Sharing Keep Sharing More. Diana Price Black Coat

Leave a Reply

All fields are required